Lo afferma l’analisi combinata (umbrella review) di 96 metanalisi di studi osservazionali, condotta al fine di stabilire la validità dei riscontri circa la correlazione tra il consumo di tè e il suo effetto sulla salute: si evince chiaramente che il consumo di tè implica numerosi vantaggi.

Un’approfondita analisi della relazione dose-risposta evidenzia la riduzione del rischio di mortalità totale e per cause cardiovascolari, oltre che della diminuzione dell’incidenza di ictus, diabete mellito e patologie coronariche, con il consumo di 2-3 tazze al giorno.

Sono state riscontrate associazioni positive anche relativamente all’insorgenza di diversi tipi di tumore (ad esempio quello epatico, del cavo orale e del polmone) e della salute cognitiva.

Un aspetto importante riguarda la temperatura a cui va consumato il tè, che non deve superare i 55-60°: se bevuto più caldo, il liquido può incrementare il rischio di tumori esofagei e/o gastrici.

In conclusione, quindi, l'analisi evidenzia vantaggi molto più significativi rispetto agli aspetti negativi; a dispetto della positività dei risultati, tuttavia, viene sottolineata la necessità di ulteriori studi clinici randomizzati controllati per escludere la possibilità che qualche associazione sia frutto della casualità.

Articoli correlati

Correlazione tra assunzione di vitamina D e rischio cardiovascolare: una metanalisi

Nutraceutici e diabete mellito

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here