Alle proteine della soia, utilizzate per produrre integratori alimentari, vengono associati diversi effetti benefici, tra cui l’effetto dimagrante nelle diete, il miglioramento delle prestazioni sportive e il mantenimento dei livelli di zuccheri e colesterolo.

Proteine della soia e colesterolo

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) non ha tuttavia autorizzato i claim relativi a diversi degli effetti attribuiti alla soia e alle sue proteine, tra cui, per l’appunto, la riduzione del rischio cardiovascolare in relazione alla loro capacità di ridurre i livelli di colesterolo LDL.

La percentuale di riduzione (pari al 3-4%) della colesterolemia LDL finora attribuita alla soia e ai prodotti derivati è paragonabile a quella ottenibile con il consumo regolare di altri alimenti vegetali o di loro componenti (frutta oleaginosa o fibre, per esempio).

L’FDA (Food and Drug Administration), invece, ha approvato tempo fa un claim relativo agli effetti benefici della soia e delle sue proteine sull’apparato cardiovascolare, collegato proprio alla loro capacità di ridurre il colesterolo. Attualmente l’ente americano sta valutando la possibilità di revocare tale claim, a causa dell’assenza di evidenze di una riduzione di colesterolo LDL in studi clinici randomizzati controllati.

Lo studio

Un team congiunto di ricercatori canadesi e statunitensi ha preso in esame i 46 trials selezionati dalla FDA per valutare la revoca del claim relativo al rapporto tra proteine della soia e livelli di colesterolo.

La metanalisi, dal titolo "A Meta-Analysis of 46 Studies Identified by the FDA Demonstrates that Soy Protein Decreases Circulating LDL and Total Cholesterol Concentrations in Adults", ha analizzato 2.607 soggetti di entrambi i sessi, i cui livelli basali medi di colesterolemia erano compresi tra 110 e 201 mg/dL, per studiare l’effetto delle proteine della soia sul colesterolo LDL e sul colesterolo totale rispetto ad altri tipi di proteine. Il periodo medio di osservazione è stato di 6 settimane.

Nello studio è stata stata messa a confronto la soia con altri alimenti vegetali e fibre con proprietà ipocolesterolemizzanti.

43 dei 46 studi valutati dalla FDA hanno fornito dati per la metanalisi: tutti hanno prodotto dati per il colesterolo totale, 41 di essi per il solo colesterolo LDL.

L’assunzione media giornaliera di 25 g di proteine della soia ha condotto a una diminuzione del colesterolo LDL di 4,76 mg/dL e a una riduzione del colesterolo totale di 6,41 mg/dL.

Conclusioni

I risultati mostrano che l’assunzione di proteine della soia sia in grado di ridurre i livelli di colesterolo LDL del 3-4% nei soggetti adulti.

Tale esito conferma l’indirizzo delle linee guida internazionali, che consigliano di aumentare il consumo di proteine vegetali in generale.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here