La curcumina associata a donepezil può migliorare la funzione cognitiva

La terapia combinata che comprende inibitori della colinesterasi (ChE) e altri agenti neuroprotettivi è maggiormente performante nella gestione/prevenzione della demenza. Le evidenze sull’effetto combinato con polifenoli dietetici sono però ancora limitate

2838

Uno studio ha valutato la potenzialità della curcumina associata a donepezil sul miglioramento dei processi cognitivi compromessi.

 

La curcumina associata a donepezil può migliorare la funzione cognitiva (apprendimento e memoria) con associato effetto inibitorio sulle attività AChE, BuChE e ADA. Inoltre, può ridurre la perossidazione lipidica e aumentare i livelli di NO e lo stato antiossidante
La curcumina associata a donepezil può migliorare la funzione cognitiva (apprendimento e memoria) con associato effetto inibitorio sulle attività AChE, BuChE e ADA. Inoltre, può ridurre la perossidazione lipidica e aumentare i livelli di NO e lo stato antiossidante

Gli autori di questo studio hanno considerato gli effetti sulla funzione cognitiva in ratti con compromissione della memoria indotta da scopolamina del pretrattamento combinato con:

  • curcumina, il principale composto polifenolico presente nei rizomi di Curcuma longa
  • donepezil, un inibitore della colinesterasi.

Gli animali sono prima stati sottoposti a pretrattamento con curcumina (50 mg/kg) e/o donepezil (2,5 mg/kg) somministrati per via orale per sette giorni consecutivi. Alla fine di questo periodo è stata indotta la demenza con una singola iniezione di scopolamina (1 mg/kg) per via intraperitoneale. Sono stati quindi valutati i cambiamenti relativi alla memoria spaziale ed episodica e sono stati determinati una serie di parametri biochimici associati alla funzione cognitiva.

Risultati dello studio sul pretrattamento con curcumina associata a donepezil

Dalla sperimentazione è emerso che gli animali trattati con scopolamina hanno manifestato una diminuzione (verso controllo) dell'apprendimento e della memoria; sono inoltre aumentate le attività dell’acetilcolinesterasi (AChE), della butirrilcolinesterasi (BuChE), dell’adenosina deaminasi (ADA) e la perossidazione lipidica, con una concomitante riduzione dei livelli di ossido nitrico (NO) e una riduzione di glutatione ridotto (GSH), superossido dismutasi (SOD) e dell’attività della catalasi.

La combinazione di curcumina e donepezil ha migliorato l'attività di apprendimento e la memoria, con associato effetto inibitorio sulle attività AChE, BuChE e ADA. Inoltre, il pretrattamento combinato ha ridotto significativamente la perossidazione lipidica e ha aumentato i livelli di NO e lo stato antiossidante rispetto agli animali trattati con sola scopolamina. I risultati ottenuti supporterebbero dunque l’ipotesi sperimentale inizialmente formulata: la strategia di combinazione può essere una terapia valida nella gestione e prevenzione dei disturbi neurologici.

Ricerca realizzata da associati a: Department of Biochemistry, Federal University of Technology, Akure, Ondo State, Nigeria.

Akinyemi AJ, Oboh G, Oyeleye SI, and Ogunsuyi O. Anti-amnestic Effect of Curcumin in Combination with Donepezil, an Anticholinesterase Drug: Involvement of Cholinergic System. Neurotox Res. 2017 May;31(4):560-569.

Articoli correlati

Nutraceutici, neurotossicità e disturbi neurodegenerativi

Effetto della curcumina sull’apoptosi degli osteoblasti

Il punto su curcumina e HDL