Nutraceutici, neurotossicità e disturbi neurodegenerativi

Uno studio ha delineato i meccanismi coinvolti nella neurotossicità indotta da sostanze tossiche e nella patogenesi di malattie neurodegenerative e ha riassunto le evidenze relative agli effetti dei nutraceutici sui meccanismi neurotossici

0
3621

I meccanismi alla base dei disturbi neurodegenerativi sono complessi e in parte ancora sconosciuti.

Una serie di evidenze tuttavia suggerisce che tra i fattori coinvolti nella patogenesi dei disturbi neurodegenerativi si possono riconoscere:

  • la disfunzione mitocondriale,
  • il sovraccarico intracellulare di Ca2+,
  • lo stress ossidativo,
  • lo stato infiammatorio.
Nutraceutici, neurotossicità e disturbi neurodegenerativi
Uno studio su nutraceutici, neurotossicità e disturbi neurodegenerativi riassume le evidenze sugli effetti dei nutraceutici sui meccanismi neurotossici

Alcuni ricercatori, con una revisione, hanno prima delineato i meccanismi-percorsi comuni che risultano coinvolti nella patogenesi della neurotossicità indotta da sostanze tossiche e in malattie neurodegenerative, quindi hanno riassunto le evidenze relative agli effetti dei nutraceutici sulle vie e meccanismi neurotossici.

I ricercatori si sono soffermati, in particolare su:

  • malattia di Alzheimer (AD),
  • morbo di Parkinson (PD),
  • malattia di Huntington (HD),
  • sclerosi multipla (SM),
  • sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Studi preclinici e/o clinici hanno rilevato effetti benefici di un gran numero di nutraceutici contro varie malattie neurodegenerative.

Gli autori di questa revisione hanno delimitato il campo di studio soltanto a quelli per i quali sono disponibili evidenze sperimentali sul meccanicismo d’azione di neuroprotezione coinvolto.

Curcumina e neurotossicità

Il nutraceutico tipo di questo tipo di attività multi-target è la curcumina che può:

  • ripristinare il potenziale di membrana,
  • sopprimere l’incremento intracellulare di ROS,
  • inibire segnali proinfiammatori (NF-κB e altro),
  • inibire l’attivazione di MAP chinasiAβ-indotta e la fosforilazione di ERK-1/2,
  • ridurre i livelli di malondialdeide e l’espressione della caspasi 3 clivata,
  • inibire la fosforilazione di JNK1/2 e c-Jun,
  • incrementare l’espressione mitocondriale BCl-2.

Questa serie di attività sono emerse in sperimentazioni nelle quali infatti la curcumina ha

  • migliorato la neurotossicità indotta da 6 idrossidopamina (6-OHDA) in cellule MES23.5,
  • inibito segnali pro-apoptotici in modelli animali di encefalite,
  • impedito la morte cellulare indotta da Aβ in una linea cellulare umana di neuroblastoma,
  • stabilizzato la barriera ematoencefalica nella sclerosi multipla,
  • protetto cellule SH-SY5Y e topi C57BL/6n verso neurotossicità dopaminergica da MPTP o MPP(+),
  • protetto i ratti da ictus.

Altri nutraceutici con attività neuroprotettiva

Attività multi-target o comunque combinabile sono state mostrate da diversi altri nutraceutici, come:

  • acido alfa-lipoico,
  • astaxantina,
  • coenzima Q10,
  • resveratrolo,
  • vitamine D ed E,
  • omega-3,
  • L-sulforafano,
  • apigenina
  • diversi estratti vegetali o principi attivi presenti in questi.

In conclusione, la tossicità mitocondriale, il sovraccarico di calcio, lo stress ossidativo e l’infiammazione sono i percorsi comuni coinvolti, spesso contemporaneamente, nel danno neuronale. L’attivazione di questi percorsi di danno neuronale è già ampiamente riconosciuta e deve essere accoppiata con il cambiamento nell'espressione e funzione di centinaia di migliaia di geni.

Gli autori della revisione ritengono che gli studi sperimentali che utilizzano ricerche avanzate basate su microarraydi DNA siano i mezzi più adatti per identificare le capacità multimodali dei nutraceutici di antagonizzare cambiamenti associati a neurotossicità.

La revisione è stata realizzata da associati a vari istituti, fra questi il Department of Toxicology, University of Louisiana at Monroe (ULM), Monroe, USA.

Dadhania VP, Trivedi PP, Vikram A, and Tripathi DN. Nutraceuticals against Neurodegeneration: A Mechanistic Insight. CurrNeuropharmacol. 2016;14(6):627-40

Articoli correlati

Sclerosi multipla. Definizione

Sclerosi Multipla. Eziologia

Effetto della curcumina sull’apoptosi degli osteoblasti

Il punto su curcumina e HDL

Sclerosi multipla. Varianti cliniche

Sclerosi multipla. Sintomatologia

La malattia di Alzheimer

Sclerosi multipla e osteoporosi

Malattia di Alzheimer: epidemia sociale

Malattia di Parkinson

L’attività fisica protegge dal Parkinson

Malattia di Huntington

Malattie del sistema nervoso e recettori metabotropici del glutammato

Le distonie

Le demenze

Biomarcatore specifico per monitorare le mutazioni genetiche causa di malattie neurodegenerative

Identificato il gene CAMTA1 modificatore della Sla

Individuata mutazione nel gene TBK1 associata alla Sla

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here