L'abbiamo ribadito più volte: naturale non significa necessariamente innocuo. Anche nell'assunzione di integratori, è fondamentale una corretta informazione al fine di non incorrere in controindicazioni.

Nell'ultimo periodo, la domanda per gli integratori alimentari ha subìto un importante incremento – il loro mercato vale 3 miliardi di euro solo in Italia –, tanto da indurre il Ministero a stilare e divulgare un decalogo ufficiale, per informare l'utenza nella scelta e nell'uso di questi prodotti.

Anzitutto, il vademecum sottolinea l'importanza di una dieta varia ed equilibrata, che di norma dovrebbe apportare tutti i nutrienti necessari al benessere, pertanto, "l’uso di un integratore alimentare per i suoi effetti nutritivi o fisiologici non deve mai essere dettato dalla convinzione, erronea, di poter 'compensare' gli effetti negativi di comportamenti scorretti". A questo proposito, il vademecum dedica un punto all'uso di integratori per contrastare il sovrappeso, sottolineando che per ridurre il peso occorre seguire un'alimentazione sana, abbinata a un'adeguata attività fisica.

In linea generale, è molto importante informare il medico dell'utilizzo di integratori – soprattutto se si fa uso di farmaci per patologie concomitanti, in gravidanza e allattamento e in caso di somministrazione ai bambini. Consultare attentamente le informazioni riportate in etichetta e segnalare tempestivamente al medico o al farmacista eventuali effetti avversi.

Come si legge nell'introduzione del decalogo, "gli integratori sono fonti concentrate di nutrienti o altre sostanze ad effetto “fisiologico” che non hanno una finalità di cura, prerogativa esclusiva dei farmaci". Essi non vanno pertanto utilizzati nella cura di condizioni patologiche, al contrario, è bene calibrarne bene l'uso, poiché un utilizzo prolungato rispetto a quanto indicato può snaturarne la funzione senza migliornarne le performance.

Ultimo ma non meno importante, è il punto dedicato al reperimento degli integratori, che oggi sono spesso venduti su internet, pubblicizzandoli come cure miracolose: è importante consultare i canali ufficiali per un'informazione puntuale, senza farsi fuorviare da false (e pericolose) promesse. Sul sito stesso del Ministero si possono trovare utili informazioni relative ai prodotti ed è possibile consultare il Registro, che riporta i prodotti regolarmente registrati per l’immissione sul mercato italiano.

Articoli correlati

Integratori alimentari: sono tutti uguali?

Al via la campagna “La sfida dell’informazione corretta nell’era digitale”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here