La ricerca ha dimostrato che l’impatto dei rifiuti plastici rappresenta un problema a livello globale, tanto che l'EFSA e l'UE hanno già richiesto una futura valutazione dei potenziali rischi per i consumatori, soprattutto per i prodotti ittici.

Lo studio rileva una contaminazione variabile con dimensioni medie delle microplastiche da 1,51 a 2,52 micron e un intervallo quantitativo medio da 223.000 a 97.800 particelle per grammo di vegetale nella parte edibile rispettivamente di frutta e verdura. È il primo studio che quantifica l’esposizione della popolazione a microplastiche inferiori ai 10 micron mediante l’ingestione di alimenti, recando anche le assunzioni giornaliere stimate per adulti e bambini. Tra i vegetali vegetali analizzati finora ci sono mele, pere, patate, carote, lattuga e broccoli; l'équipe sta ampliando la quantità di alimenti investigati.

Se ulteriori dati scientifici dovessero evidenziare possibili effetti delle micro- e nanoplastiche sulla salute dei consumatori, potrebbero essere intraprese delle misure atte a salvaguardare la salute della popolazione. La Commissione europea, inoltre, sta valutando la possibilità di finanziare ulteriori ricerche sull'esposizione alle micro- e nanoplastiche e sui loro effetti sulla salute nell'ambito del programma Horizon 2020.

Articoli correlati

Le bustine di tè in plastica rilasciano miliardi di microparticelle

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here