La dottoressa Heather Francis e il suo team hanno studiato 76 soggetti di età compresa fra i 17 e i 35 anni che presentavano sintomi depressivi di entità media o elevata e seguivano una dieta povera e poco sana, ricca di zuccheri, cibi ultra-processati e grassi saturi.

I soggetti reclutati dallo studio sono stati suddivisi in due gruppi: nel primo la dieta è rimasta inalterata, mentre nel secondo sono state apportate delle modifiche al regime alimentare. Nel video fornito ai partecipanti, un dietologo consigliava di aumentare le porzioni quotidiane di verdura, frutta, cereali integrali, proteine, latticini non zuccherati e pesce. Al contempo, ai soggetti del gruppo di studio è stato richiesto di ridurre il consumo di zuccheri, grassi, alimenti processati, carboidrati raffinati. Al fine di facilitare il cambiamento nel regime alimentare, è stata consegnata loro una confezione di prodotti alimentari contenente olio d'oliva, burro di noci naturale, noci, mandorle, semi di girasole e spezie (curcuma e cannella).

Al gruppo di controllo, invece, in cui la dieta è rimasta invariata, non è stata fornita alcuna indicazione alimentare, e i soggetti sono stati invitati a tornare dopo 3 settimane per un controllo.

Risultati

Al termine delle 3 settimane, i soggetti aderenti al gruppo con dieta modificata hanno mostrato evidenti miglioramenti rispetto allo stato depressivo; al contrario, per gli individui che hanno mantenuto inalterato il proprio regime alimentare non è stato registrato alcun cambiamento rispetto ai sintomi.

33 soggetti sono stati seguiti per 3 mesi: tra questi, i 21 che hanno mantenuto un regime alimentare sano hanno continuato a beneficiare degli effetti benefici rispetto alla sintomatologia depressiva.

Concludono i ricercatori: "Modificare la dieta, incrementando il consumo di frutta, verdura, olio di oliva e pesce, per diminuire invece l'assunzione di alimenti processati, ha un effetto positivo sui sintomi depressivi nei giovani adulti. I risultati di questo studio confermano i dati della recente letteratura in merito: una lieve variazione della dieta costituisce un'utile terapia complementare per il trattamento della depressione".

Articoli correlati

L’impiego di omega-3 migliora l’efficacia delle cure per la depressione

La Dieta Mediterranea contribuisce a ridurre l’accumulo di grasso nel fegato

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here