Un team di ricerca dell'università di Friburgo, guidato dal Dr. Johan Woelber, ha indagato l'effetto di una dieta antinfiammatoria ricca di frutta e verdura sui sintomi della gengivite.

30 soggetti affetti da gengivite sono stati randomicamente assegnati al gruppo sperimentale e al gruppo di controllo: agli individui del primo gruppo è stato chiesto di modificare il proprio regime alimentare per 4 settimane, riducendo i carboidrati raffinati e le proteine animali e incrementando al contrario l'apporto di fibre, omega-3, vitamine C e D e antiossidanti. La dieta del gruppo di controllo, invece è rimasta invariata. Tutti i partecipanti, inoltre, hanno sospeso la pulizia interdentale per la durata della sperimentazione.

I risultati dello studio sono chiari: sebbene i valori dei paratmetri relativi alla placca non differiscano sensibilmente tra i due gruppi, i soggetti del gruppo sperimentale hanno mostrato un'evidente diminuzione del sanguinamento gengivale rispetto al controllo. In essi, inoltre, si è riscontrato un aumento dei livelli di vitamina D e una significativa perdita di peso. Non sono invece state riscontrate differenze evidenti nei parametri legati all'infiammazione  e alla composizione del microbiota sottogengivale.

La sperimentazione, pertanto, mostra che l'alimentazione può sensibilmente ridurre i sintomi della gengivite, come afferma il Dr. Johan Woelber, primo autore dello studio: "Lo studio evidenzia chiaramente che un regime alimentare controllato può contribuire a ridurre in modo naturale la gengivite. I professionisti sanitari, pertanto, dovrebbero fornire suggerimenti adeguati rispetto alle abitudini alimentari, poiché la gengivite potrebbe rivelarsi uno degli effetti collaterali della dieta proinfiammatoria".

Articoli correlati

Il consumo abituale di caffè si associa a una riduzione dei livelli di biomarcatori infiammatori

Ruolo di probiotici e prebiotici nel miglioramento di patologie croniche infiammatorie

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here