In uno studio è stato valutato l’effetto della crisina sulla dermatite atopica (AD) e sono stati indagati i meccanismi d'azione sottostanti.

Studio sulla crisina per la dermatite atopica
Una ricerca suggerisce che la crisina potrebbe essere un valido candidato per il trattamento della dermatite atopica e delle malattie allergiche della pelle

Come modello animale di dermatite atopica sono stati impiegati topi BALB/c esposti localmente (orecchie) a DNCB (2,4-dinitroclorobenzene) e acari della polvere DFE (Dermatophagoides farinae). Il trattamento alternativo e ripetuto di DNCB e DFE ha causato lesioni cutanee simili alla dermatite atopica. La somministrazione orale di crisina ha dimostrato di ridurre:

  • i sintomi di AD in termini di spessore dell'orecchio e analisi istopatologica e relativamente ai livelli sierici di IgE e IgG2a,
  • l'infiltrazione dei mastociti,
  • il livello di istamina sierica,
  • la risposta infiammatoria cellulare Th1, Th2 e Th17 (nel linfonodo e nell'orecchio).

Gli autori della sperimentazione ritengono di particolare interesse il fatto che la crisina, in una linea cellulare di cheratinociti umani in coltura (HaCaT) stimolati con TNFα/IFNγ, ha inibito significativamente la produzione di citochine, chemochine Th2, CCL17 e CCL22 con la sotto-regolazione di p38 MAPK, NF-κB e STAT1.

La crisina ha anche inibito l'espressione di IL-33 stimolata da TNF-α/IFN-y, sempre in cellule HaCaT e cheratinociti primari di topo.

Questi risultati, considerati nel loro insieme, indicano che la crisina sopprime i sintomi della dermatite atopica e suggeriscono che questa potrebbe essere un valido candidato per il trattamento della dermatite atopica e malattie allergiche della pelle.

Questa ricerca è stata realizzata da associati a vari istituti, fra i quali: Cell & Matrix Research Center, Department of Pharmacology, School of Medicine, Kyungpook National University, Daegu, Republica di Corea.

Choi JK, Jang YH, Lee S, Lee SR, Choi YA, Jin M, Choi JH, Park JH, Park PH, Choi H, Kwon TK, Khang D, and Kim SH. Chrysin attenuates atopic dermatitis by suppressing inflammation of keratinocytes. Food Chem Toxicol. 2017 Dec;110:142-150.

Che cos'è la crisina

La crisina (5,7-diidrossiflavone) è un flavonoide presente nel miele, nella propoli e in diversi estratti vegetali.

Diverse sperimentazioni hanno indagato effetti e potenzialità della crisina relativamente a diversi stati patologici come il diabete di tipo 2 e l’osteoartrite, nonché la sua attività simil-antidepressiva e di contrasto alla tossicità del paracetamolo.

In generale sono state dimostrate per la crisina attività biologiche e anche effetti farmacologici antiossidanti, antinfiammatori, antitumorali e antivirali. Gli stessi autori di questo studio hanno in precedenza documentato l'effetto inibitorio della crisina sulla reazione allergica mediata da mastociti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here