Alterazioni nei meccanismi di azione dell’insulina potrebbero essere alla base di patologie metaboliche (soprattutto diabete di tipo 2 e obesità) e disturbi cerebrali, come il morbo di Alzheimer e i disturbi dello spettro autistico: è questa l'ipotesi di partenza del progetto PRIME (Prevenzione e rimedio della multimorbilità dell’insulina in Europa), a cui partecipano l'ISS e 16 altre istituzioni di nove paesi europei.

Oltre a esplorare i meccanismi molecolari, il team lavorerà per identificare, eventualmente, nuove insulinopatie, strategie terapeutiche e preventive.

Il progetto – iniziato a gennaio 2020 – avrà la durata di 5 anni, concludendosi nel 2024.

Articoli correlati

Consumare frutta fresca può aiutare a contrastare la sindrome metabolica

Propionato: un additivo che conserva gli alimenti, ma potrebbe favorire l’insorgenza del diabete

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here