Uno studio su Phyllanthus emblica nella malattia da reflusso esofageo non erosiva suggerisce che l’assunzione di amla possa diminuire le frequenze del bruciore di stomaco e del rigurgito nonché ridurne la gravità.

Studio su Phyllanthus emblica nella malattia da reflusso esofageo non erosiva
Phyllanthus emblica nella malattia da reflusso esofageo non erosiva potrebbe ridurre la gravità e  la frequenza di insorgenza dei disturbi

Malattia da reflusso gastroesofageo (Gerd)

La malattia da reflusso gastroesofageo (Gerd) è piuttosto comune e spesso sottovalutata. La malattia è causata dal reflusso del contenuto dello stomaco nell’esofago e comporta sintomi fastidiosi come il rigurgito stesso e bruciore di stomaco. Viene classificata in:

  • esofagite erosiva quando c’è erosione della mucosa esofagea (visibile in endoscopia),
  • malattia da reflusso non erosiva (Nerd).

Si tratta di una condizione cronica e ricorrente che può comportare anche lesioni degenerative a carico del tratto esofageo.

Gli utilizzi tradizionali e una serie di evidenze più recenti suggeriscono di valutare sicurezza ed efficacia della pianta medicinale amla (Phyllanthus emblica) al fine di migliorare i sintomi dei pazienti con Nerd.

Lo studio su Phyllanthus emblica nella malattia da reflusso esofageo non erosiva

Ricercatori associati a vari istituti, fra i quali il Department of Traditional Medicine, School of Traditional Medicine, Tehran University of Medical Sciences, Tehran (Iran) hanno quindi realizzato uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco e controllato verso placebo.

Nello studio sono stati coinvolti 68 pazienti con sintomi classici di Gerd:

  • bruciore di stomaco,
  • rigurgito,
  • epigastralgia

per almeno tre mesi prima dell’inizio dello studio. I pazienti sono stati assegnati random al trattamento con placebo o con amla (500 mg due volte al giorno) che hanno assunto dopo i pasti per 4 settimane. I pazienti sono stati visitati al basale e alla fine della settimana 2 e 4; i loro sintomi sono stati misurati su una scala di frequenza e gravità per i sintomi Nerd.

Risultati dello studio su Phyllanthus emblica nella malattia da reflusso esofageo non erosiva

L’analisi dei risultati ha rivelato che in ambedue i gruppi è diminuita la frequenze del bruciore di stomaco e del rigurgito (P<0,001). L’analisi di regressione logistica (per misure ripetute) ha evidenziato che nel gruppo amla vi era una riduzione più significativa (verso placebo) della frequenza del rigurgito e del bruciore, della gravità del rigurgito e del bruciore (P <0,001).

Secondo gli autori dello studio, l’assunzione di amla da parte di pazienti con malattia da reflusso non erosiva può ridurre le frequenze del bruciore di stomaco e del rigurgito e ridurne la gravità.

Karkon Varnosfaderani S, Hashem-Dabaghian F, Amin G, Bozorgi M, Heydarirad G, Nazem E, Nasiri Toosi M, and Mosavat SH. Efficacy and safety of Amla (Phyllanthus emblica L.) in non-erosive reflux disease: a double-blind, randomized, placebo-controlled clinical trial. J Integr Med. 2018 Mar;16(2):126-131.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here