Lo scorso giugno le associazioni dell'Italian Obesity Network avevano lanciato un accorato appello alle autorità affinché riconoscessero l'obesità come una patologia, per trattarla nel modo corretto.

Il 13 novembre scorso la Camera dei Deputati ha risposto alla chiamata, approvando una mozione per riconoscere l'obesità come patologia cronica causa di svariate complicanze anche molto gravi. Il documento prevede quindi la definizione di un piano che "armonizzi, a livello nazionale, le attività nel campo della prevenzione e della lotta all'obesità, un documento, condiviso con le regioni, che, compatibilmente con la disponibilità delle risorse economiche, umane e strutturali, individui un disegno strategico comune inteso a promuovere interventi basati su un approccio multidisciplinare integrato e personalizzato, centrato sulla persona con obesità e orientato a una migliore organizzazione dei servizi e a una piena responsabilizzazione di tutti gli attori dell'assistenza". Le persone affette da obesità dovranno essere messe nelle condizioni di poter accedere con facilità ai servizi assistenziali per la cura delle comorbidità della patologia; saranno implementate le politiche di contrasto all'obesità, mediante politiche sinergiche di informazione alla popolazione.

La mozione prevede anche iniziative per disciplinare la pubblicità relativa ad alimenti e bevande per bambini, affinché fin da piccoli possano aderire a un modello alimentare corretto e non siano sottoposti a pratiche pubblicitarie "invasive". Per i bambini è previsto anche un programma ad hoc al fine di prevenire la sedentarietà e il sovrappeso, che implementi in ambito scolastico l'attività fisica e una dieta corretta.

L'importante iniziativa governativa nasce per arginare un fenomeno, quello dell'obesità, in costante crescita: sono circa 5,4 milioni gli italiani adulti obesi e oltre 23 milioni quelli sovrappeso, la situazione non migliora nemmeno in ambito pediatrico: è obeso o sovrappeso 1 bambino su 3 sotto gli 8 anni e più di 1/3 di questi non pratica alcun tipo di attività fisica.

Articoli correlati

Secondo il rapporto UNICEF, l’obesità infantile è in forte crescita in Italia

Italian Obesity Network: riconoscere l’obesità come malattia per trattarla nel modo adeguato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here