Importanti novità per i celiaci: la United European Gastroenterology (UEG), organizzazione che raggruppa le principali società scientifiche europee che si occupano di salute dell’apparato digerente, e la European Society for Paediatric Gastroenterology Hepatology and Nutrition (ESPGHAN), società di riferimento in Europa per la gastroenterologia pediatrica, hanno recentemente pubblicato un aggiornamento delle linee guide relative a questa patologia.

Un aggiornamento delle precedenti linee guida era necessario, come spiega il Dott. Luca Elli, medico gastroenterologo membro del Comitato Scientifico Dr. Schär Institute e responsabile del Centro per la Prevenzione e Diagnosi della Malattia celiaca presso la Fondazione IRCCS Ca’ Granda di Milano: “considerando che le linee guida esistenti a livello internazionale sono ormai datate, risulta chiara la necessità di un documento aggiornato che vada più a fondo sul tema, sviscerando anche tutte le possibili casistiche particolari alle quali un medico può trovarsi di fronte nel quotidiano”.

L'ultimo aggiornamento italiano in materia – che risale al 2015 – è il “Protocollo per la diagnosi e il follow-up della celiachia” – e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana in occasione dell’aggiornamento ESPHGAN sulla diagnosi in età pediatrica.

La celiachia è una patologia caratterizzata da un'elevata percentuale di casi non ancora diagnosticati: in Italia, ad esempio, si registrano 207.000 casi diagnosticati a fronte di circa 600.000 celiaci attesi.

I nuovi documenti condividono l’obiettivo di aiutare a favorire l’individuazione dei casi sommersi e migliorare l’accuratezza diagnostica: ESPGHAN presenta un aggiornamento del protocollo diagnostico del 2012, mentre le linee guida UEG sottolineano l’importanza dello screening, con un elenco aggiornato di tutti i gruppi di popolazione a cui potrebbe essere consigliato, sebbene non manchino raccomandazioni sul follow up ‘ideale’ che dovrebbe seguire la diagnosi, con l’obiettivo di garantire al paziente celiaco la miglior qualità di vita possibile e minimizzare i rischi per la salute.

Relativamente allo screening, il test d'elezione è il dosaggio IgA-TG2. Oltre che nei soggetti con familiarità, affetti da patologie autoimmuni, sindrome di Down, di Turner, di Williams e deficit di IgA sieriche, lo screening sierologico può essere eseguito in una serie di altri casi:

  • Sindrome dell’intestino irritabile
  • Elevati livelli di transaminasi epatiche, in assenza di altre cause
  • Sintomi gastrointestinali cronici
  • Coliti microscopiche
  • Tiroidite di Hashimoto e malattia di Graves
  • Osteopenia/osteoporosi
  • Atassia non riconducibile ad altre cause o neuropatia periferica
  • Ulcerazioni aftose ricorrenti o difetti dello smalto dentale
  • Infertilità, aborti spontanei ricorrenti, menarca tardivo, menopausa precoce
  • Sindrome da stanchezza cronica
  • Pancreatite acuta o cronica, in assenza di altre cause
  • Epilessia, mal di testa, disturbi dell’umore, disordini da deficit dell’attenzione/deterioramento cognitivo
  • Iposplenismo o asplenia funzionale
  • Psoriasi
  • Emosiderosi polmonare
  • Nefropatia da IgA. 

Inoltre, nei soggetti con diabete di tipo 1, si sottolinea l’importanza di sottoporsi a screening periodici.

Per quanto riguarda il Test HLA DQ2/8 nei soggetti celiaci, esso non va eseguito nella fase diagnostica iniziale, ma può essere utilizzato per escludere la patologia nei pazienti che già seguivano una dieta gluten free prima di sottoporsi ad esami, oppure nel caso in cui esista una discrepanza tra i risultati dei test sierologici e quelli istologici (ad esempio, lesioni di Marsh di tipo 1 o 2 in pazienti con sierologia negativa).

Biopsia

Nel soggetto adulto, il gold standard per la diagnosi rimane la biopsia duodenale, da eseguire in caso di sierologia positiva, anche se il duodeno appare normale all’esame endoscopico, e da replicare in almeno 4 campionamenti, ai quali è possibile aggiungerne 2 a livello del bulbo duodenale per aumentare il successo diagnostico.

Endoscopia e biopsia sono raccomandabili anche in caso di sierologia negativa nelle situazioni di: diarrea cronica (non sanguinolenta); diarrea con caratteristiche di malassorbimento, specialmente perdita di peso; anemia da carenza di ferro, in assenza di altre cause; sintomi gastrointestinali in presenza di storia famigliare di celiachia; sintomi gastrointestinali in soggetti con disordini autoimmuni o deficit di IgA; difficoltà di accrescimento, nel caso dei bambini; dermatite erpetiforme; atrofia villare; ileo-(colo-)stomia associata ad alto output non spiegata.

Nell’adulto, a distanza di 1-2 anni dall’adozione di una dieta gluten free, può essere utile ripetere la biopsia per verificare la ‘guarigione’ della mucosa, specialmente nei pazienti sopra i 40 anni o in soggetti che hanno avuto manifestazioni iniziali molto severe. Una biopsia di follow-up è necessaria anche in caso di mancata risposta alla dieta gluten free.

Bambini e adolescenti

Le linee guida UEG per questa fascia d'età consigliano uno screening sierologico nei casi di: diarrea cronica o intermittente, ritardo nella crescita, calo ponderale, ritardo della pubertà, amenorrea, anemia da carenza di ferro, nausea o vomito ricorrenti, dolore addominale cronico, costipazione cronica, stanchezza cronica, stomatiti aftose ricorrenti, dermatite erpetiforme con eruzione cutanea, fratture in assenza di traumi/osteopenia/osteoporosi, parametri epatici alterati.

Per la diagnosi invece, il nuovo documento ESPGHAN conferma la possibilità di diagnosticare la celiachia in età pediatrica anche senza ricorrere alla biopsia, ma solo nel rispetto di questi criteri: valori di TGA-IgA ≥10 volte il limite superiore della norma; anticorpi anti-endomisio (EMA-IgA) positivi, in un secondo campione sierologico.

Il test HLA e la presenza di sintomatologia non sono più criteri obbligatori per effettuare una diagnosi in assenza di biopsia.

Valutazioni alla diagnosi e nel corso dei follow-up

La visita medica alla diagnosi dovrebbe comprendere una valutazione clinica e dello stato di nutrizione, accompagnata da test quali emocromo, ferro, folati, vitamina B12, funzionalità tiroidea, enzimi epatici, calcio, fosfati, vitamina D e densitometria ossea.

Per la salute delle ossa, sono fondamentali le misurazioni di calcio, fosfatasi alcalina e vitamina D, e la densitometria ossea (DEXA), da eseguire non oltre i 30-35 anni. La densitometria deve essere ripetuta dopo 5 anni in caso di valori normali e ogni 2-3 anni in presenza di problematiche.

Per quanto riguarda la dieta, ai pazienti deve essere fatto un counselling iniziale, con la raccomandazione di consultare uno specialista in materia: una dieta non seguita adeguatamente può infatti sfociare in carenze nutrizionali e – nei casi più gravi – linfomi e gravidanze con esito avverso.

“Le più comuni criticità di una dieta priva di glutine mal condotta possono essere lo sbilanciamento a livello di macronutrienti – specialmente l’elevato apporto di zuccheri semplici, grassi e proteine ed il basso apporto di fibre – e il deficit di alcuni micronutrienti come ferro, folati, vitamina B12, vitamina D, zinco, rame e vitamina B6, afferma la Dott.ssa Elena Dogliotti, Biologa Nutrizionista e membro del Comitato Scientifico Dr. Schär Institute.

Per favorire un’adeguata qualità di vita, risulta importante anche incoraggiare i pazienti ad aderire ad associazioni o gruppi di pazienti e fornire un supporto psicologico nel primo anno dalla diagnosi.

Lo schema suggerito per l’organizzazione del follow-up è il seguente:

Alla diagnosi Esame fisico incluso BMI
  Counselling e formazione sulla malattia celiaca
  Counselling dietetico da personale esperto
  Raccomandazione di screening ai famigliari (DQ2/D8 e sierologia)
  Raccomandazione di adesione ad associazione di settore
  Sierologia (se non effettuata in precedenza)
  Esami di routine (emocromo, ferro, folati, vitamina B12, funzionalità tiroidea, enzimi epatici, calcio, fosfati, vitamina D)/ densitometria ossea alla diagnosi ma non oltre i 30-35 anni
Dopo 3-4 mesi Valutazione dei sintomi e dell’andamento
  Valutazione della dieta
  Sierologia (IgA-TG2)
Dopo 6 mesi Valutazione dei sintomi
  Valutazione della dieta
  Sierologia
  Ripetizione degli esami di routine (qualora vi fossero valori anomali in precedenza)
Dopo 1 anno Valutazione dei sintomi
  Valutazione clinica
  Valutazione della dieta
  Sierologia
  Ripetizione degli esami di routine
Dopo 2 anni Valutazione dei sintomi
  Valutazione della dieta (da valutare)
  Sierologia
  Esame della funzionalità tiroidea
  Altri esami sulla base della valutazione clinica
Dopo 3 anni Densitometria (in caso di precedenti valori anomali)
  Valutazione dei sintomi
  Valutazione della dieta
  Sierologia
  Esame della funzionalità tiroidea
  Altri esami sulla base della valutazione clinica

 

Bibliografia di riferimento

Al-Toma, A., Volta, U., Auricchio, R., Castillejo, G., Sanders, D. S., Cellier, C., ... & Lundin, K. E. (2019). European
Society for the Study of Coeliac Disease (ESsCD) guideline for coeliac disease and other gluten-related disorders.
United European gastroenterology journal, 7(5), 583-613.
Ministero della Salute. (2019). Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia - Anno 2017.
ESPGHAN Guidelines for Diagnosing Coeliac Disease 2019: JPGN 2019. Ahead of Print.

Articoli correlati

Diete gluten-free e altre diete speciali nei bambini, utili o rischiose?

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here