La steatosi epatica non-alcolica (non-alcoholic fatty liver disease, NAFLD) è la più comune forma di malattia epatica cronica dei paesi occidentali e include diverse alterazioni epatiche che vanno dal semplice accumulo di grasso nel fegato (il cosiddetto "fegato grasso"), alla steatoepatite non-alcolica (non-alcoholic steatohepatitis, NASH), che conduce a processi infiammatori che danneggiano progressivamente il fegato.

Una certa quantità di grasso a livello epatico è normale, ma quando supera il 5-10% del peso del fegato, allora si parla di "fegato grasso", una condizione che interessa circa un quarto della popolazione mondiale, con picchi nei soggetti obesi e sovrappeso.

Nella prima fase, la patologia è silente: i sintomi (tra cui dolore addominale, perdita di appetito, nausea e vomito, perdita di peso, stanchezza, ittero, problemi nervosi, confusione, ansia, agitazione) iniziano a manifestarsi quando è già in fase avanzata

Lo studio

La ricerca ha esaminato 24.389 soggetti adulti di entrambi i sessi, suddividendoli in 4 gruppi in riferimento al consumo di yogurt:

  • meno di una volta alla settimana (gruppo di riferimento)
  • 1 volta la settimana
  • 2-3 volte la settimana
  • 4 volte o più la settimana

Ai fini della sperimentazione è stato usato sia yogurt prodotto da latte intero, sia quello derivato da latte parzialmente scremato. Per tutti i soggetti, inoltre, sono stati raccolti dati relativi allo stile di vita, ai parametri antropometrici e ai principali valori metabolici.

Lo studio ha rilevato che all’aumentare del consumo di yogurt si riduceva, in modo dose-dipendente, la frequenza di steatosi epatica non alcolica. In particolare, il maggior consumo di yogurt è stato individuato in soggetti prevalentemente di sesso femminile, che praticavano attività fisica e registravano parametri metabolici e antropometrici migliori. Al contrario, i soggetti a cui è stata diagnosticata NAFLD erano perlopiù uomini, di età media più elevata, che evidenziavano un maggior consumo di grassi.

Conclusioni

Secondo gli autori, l'effetto positivo dello yogurt sulla NAFLD è dovuto sia ai probiotici, che svolgono azione antinfiammatoria, antiossidante e immunomodulante, sia al calcio, che contribuisce a stimolare l'ossidazione del grasso in ogni distretto corporeo, fegato compreso. Inoltre, secondo alcuni studi l'associazione tra calcio e vitamina D costituirebbe un fattore protettivo nei confronti di questa patologia.

Gli autori consigliano lo svolgimento di nuovi studi sul lungo periodo per confermare questi primi, incoraggianti, risultati.

 

Articoli correlati

Consumare latticini per contrastare l’insorgenza di malattie croniche: la meta-analisi

La Dieta Mediterranea contribuisce a ridurre l’accumulo di grasso nel fegato

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here