La vitamina D fa bene al cuore ed esiste una correlazione tra i livelli di vitamina D e la capacità cardiorespiratoria (fitness cardiorespiratorio - CRF) durante l'esercizio fisico. Lo dimostrano i risultati di uno studio condotto dalla Virginia Commonwealth University di Richmond negli Stati Uniti.

vitamina D fa bene al cuore e migliora il fitness cardiorespiratorio
La vitamina D fa bene al cuore: migliora il fitness cardiorespiratorio e riduce il rischio cardiovascolare, secondo lo studio pubblicato da European Journal of Preventive Cardiology

Il fitness cardiorespiratorio (CRF) si riferisce alla capacità dei sistemi circolatorio e respiratorio di fornire ossigeno ai muscoli scheletrici durante l'attività fisica prolungata e si misura con il consumo massimo di ossigeno (VO2 max) durante l'esercizio fisico. Migliore è il CRF e quindi la capacità di ossigenare la muscolatura scheletrica e migliore è l'outcome sulla mortalità per tutte le cause, tanto che l'American Heart Association, nel 2016, ha deciso di considerare il CRF come un fattore predittivo del rischio cardiovascolare e pertanto ne raccomanda la valutazione nella pratica clinica di routine per i pazienti ad altro rischio.

L'American Heart Association raccomanda la valutazione il fitness cardiorespiratorio (CRF) nella valutazione clinica di routine dei pazienti a rischio cardiovascolare

Lo studio

Lo studio condotto dai ricercatori della Virginia Commonwealth University e pubblicato dallo European Journal of Preventive Cardiology (la rivista della società scientifica europea di cardiologia ESC) si è proposto di valutare la correlazione tra livelli sierici di vitamina D e CRF in un campione rappresentativo statunitense di razza caucasiva, selezionati dal database del National Health and Nutrition Examination Survey - NHANES).

Dei 1995 soggetti selezionati per lo studio (45,2% donne, 49,1% uomini; età tra i 25 e i 42 anni) il 13% soffriva di ipertensione e il 4% di diabete. Dal punto di vista dei parametri biochimici e antropometrici, i soggetti avevano livelli medi di vitamina D pari a 58 ± 5,3 nmol/L, BMI medio era di 27,2± 5,7 Kg/m2, livelli medi di colesterolo totale pari a 192,6 ± 39,8 mg/dl e un consumo massimo di ossigeno VOX pari a 40,1 ± 9,7 mL/kg/min.

Risultati

Per l'analisi dei dati i soggetti sono stati divisi in quartili. Dai risultati è emerso che i soggetti del quartile più alto di vitamina avevano una capacità cardiorespiratoria (CRF) significativamente più alta rispetto a quelli del quartile più basso con una differenza di ben 4,3 mL/kg/min (p < 0,001). In particolare, si è osservato un aumento significativo del VO2 massimo ad ogni aumento di 10 nmol/L di vitamina D. La correlazione tra livelli di vitamina D e capacità cardiorespiratorio è risultata indipendente da età, sesso, BMI, ipertensione, diabete, colesterolo totale, emoglobina e anche funzionalità renale (GFR).

Cosa c'entra la vitamina D con la capacità cardiorespiratoria?

Secondo gli autori dello studio la correlazione tra livelli di vitamina D e capacità cardiorespiratoria CRF è sostenuta da diverse evidenze:

  1. approssimativamente il 3% dei geni sono direttamente o indirettamente influenzati dalla vitamina D i cui recettori sono espressi da numerosi tipi di cellule, inclusi i miociti.
  2. la vitamina D può influenzare i miociti stimolando la sintesi proteica e il trasporto di calcio e fosforo.
  3. la vitamina D può migliorare la capacità aerobica, aumentando il numero delle fibre muscolari fast-twitch IIa e riducendo le fibre fast-twitch di tipo IIb. Le fibre muscolari fast-twitch sono bianche e a rapida contrazione.
  4. in uno studio su modello animale di topo, il deficit di vitamina D è risultato associato a una riduzione della contrattilità del miocardio e della portata cardiaca e a un aumento della frequenza cardiaca (segni tipici di insufficienza cardiaca).
  5. Il Framingham offspring study ha dimostrato un minor rischio di eventi cardiovascolari nei soggetti con livelli di vitamina D superiori a 38 nmol/L rispetto a quelli con livelli inferiori a 25 nmol/L.

Quindi possiamo dire che la vitamina D fa bene al cuore?

«I nostri dati hanno evidenziato una forte correlazione tra livelli di vitamina D e capacità cardiorespiratoria durante l'esercizio fisico che lascia ipotizzare importanti implicazioni in termini di prevenzione cardiovascolare. Tuttavia sono necessari ulteriori studi di conferma», ha concluso Amr Marawan, primo autore dello studio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here